mercoledì, novembre 29, 2006

Numeri primi


Numeri.
Vi siete mai accorti che siamo circondati da numeri?
Immatricolati, segnalati, numerati. In ogni nostro gesto, spostamento, abito, espressione.
Non voglio scrivere un post di pseudo-denuncia sul tema spie e spiati mondiali, perchè credo che la parte seriosa dell’argomento lo potrebbero trattare decisamente meglio di me molti degli amici che mi accompagnano e leggono il mio blog.
Ma me ne sono resa conto improvvisamente oggi, per strada. Stavo osservando la targa della macchina davanti a me, di quelle ancora con le provincie, pensando all’anno di emissione della stessa, e mi è saltato lampante nel cervello il pensiero dei numeri...
Se vago con la macchina telecamere spiano il mio passaggio e i numeri raccontano chi sono, se pago alla cassa del supermercato col bancomat la banca sa quanto spendo di spesa... Con i numeri identifico il valore delle cose. Con i numeri perseguo il tempo. La mia tessera sanitaria racconta il mio paese e il mio medico, il codice fiscale individua il mio sesso e la mia identità.
Tutto attraverso codici, numeri, sigle.
Probabilmente all’ufficio anagrafe i nuovi nati vengono identificati in un registro numerato. Gli infortuni di un’azienda sono elencati. Le statistiche nazionali, tutti noi, siamo numeri nel mucchio.
La targa di una macchina racconta la sua età. Il mio orologio senza numeri non direbbe nulla. Le coordinate di un percorso sono numeri sui due assi.

E pensate a quanto i numeri siano fissi ma relativi.
Racconto con i numeri oggetti e individualità fisiche. Stimo la tara, il peso lordo. Analizzo la salute dai numeri elencati, n. globuli rossi, n. colesterolo, - n. ferro, ecc.
Con i numeri posso scrivere una vita.
Ma se cambio un numero, o ci metto un meno davanti, posso distruggerla, la vita....soprattutto se si parla di conti in banca, di denaro, di sangue.

Mi sono resa conto che oltre a essere controllati, spiati, mirati attraverso numeri, a loro siamo legati a doppio filo.
Nella nostra società una vita senza numeri sarebbe il caos dell’inesistenza numerica.

14 commenti:

LaCuocaRossa ha detto...

o.t.
ho letto un tuo commento sulla reazione che hai avuto da bambina all'acquisto della bambola gigante (su tua richiesta) da parte dei tuoi genitori...mi sto ancora scompisciando dalle risate!

Astralla ha detto...

Che vuoi farci i bambini sono sempre bambini! ;) Tra parentisi almeno, dopo un pò mi ci sono affezionata :D

zefirina ha detto...

oh ma io do' sempre i numeri!!!
numerosi abbracci a te

Alberto ha detto...

Hai più ragione di quanto tu stessa non immagini...
A questo riguardo, ti consiglio un libro illuminante: "L'occhio elettronico" di David Lyon - editore Feltrinelli

Lyon è un sociologo dell'Università di Kingston (Ontario), che da anni studia i fenomeni legati a Privacy e filosofia della sorveglianza.

Il libro in questione è sbalorditivo perché parte da esempi concreti di vita quotidiana, per aprirci gli occhi sulla vera natura del "grande fratello", spesso nascosto tra i regali di un'innocua "Fidaty Card"...

Un abbraccio onnivedente. :-)

Stefania ha detto...

Ora ho capito perchè i numeri mi hanno sempre dato un senso di inquietudine...hanno gli occhi!!!
Un sorriso sincero a 32 denti (per restare in argomento!) ;-)

Beppone ha detto...

Odio i numeri!! :(
Pazienza..
ciaoooo

ape ha detto...

1,2,3...astralla!!

anche io odio i numeri: vado in confusione nn appena mi si presenta il conto al ristorante!

ORSO ha detto...

NUMERI....NUMERI....LA MIA FORTUNA AL LAVORO E CHE ACCANTO ALLA MIA SCARIVANIA HO UN COLLEGA IPER MATEMATICO (IL MITICO WALTER) CHE MI SALVA QUANDO STO PER ESSERE INGHIOTTITO DAI CALCOLI.....
SALUTI A TUTTI

Astralla ha detto...

Zefi...beh, anche io con i numeri non scherzo ;), sai Zefi!

Alberto...Leggerò allora, leggerò.... :)

Stefania...ricambio il sorriso :D

Beppone...ciao papà stanchissimo, un abbraccio alle pupattole!

Ape...al ristorante...mi fai pensare ai numeri di un conto dell'anno scorso con Orso, dove in un ristorante hanno dato numeri decisamente oltre misura! :(prima o poi racconterò... :)

Orso...per fortuna che c'è Walter a sopportare il tuo caos tesoro mio, più che i tuoi numeri...O forse i numeri li dai tu quando ti ho ricoperto dei miei... :)
Un olè a Walter! :)

gidibao ha detto...

attendo con ansia di leggere il commento di tack... :-)


100k abbraccioni ;-)

sonia ha detto...

Alla fine i numeri non mi spiacciono...
Se si tratta di trigonometria e tutte ste cose allora...comincio a non capirci più nulla! Alla fine come dici giustamente tu, la vita gira intorno ai numeri...

Un abbraccione...notte!

Chiara ha detto...

Conosco molto bene David Lyon.
Ho lavorato con lui in Canada.
E' bravissimo.

dalianera ha detto...

Sono stato chiamato in ballo a quanto pare (grazie gidi). :-)
C'è poco da dire: i numeri sono la mia vita, sono precisi, senza sbavature, raccontano eventi oggettivi, non opinabili e dunque salvifici. Del resto non è scritto nel Libro dei Libri che: Tutto è numero, peso e misura ?

Non possiamo che arrenderci e godere appieno della meraviglia che procurano ogniqualvolta danno risultati positivi (quelli con il meno davanti mi hanno sempre comunicato scenari inquietanti)... :-)

Anonimo ha detto...

La ringrazio per Blog intiresny